Il Mangostano: meglio la polpa o la buccia?

 

E’ meglio consumare la polpa o la buccia del mangostano?

Si sente spesso parlare, riguardo il mangostano ovviamente, di proprietà eccezzionali a livello di miglioramento della salute di chi lo consuma. Altrettanto spesso però si sente dire che non è la polpa la parte importante del mangostano, quanto invece la il pericarpo, o buccia del mangostano stesso. 

mangostanoMa davvero dovremmo consumare la buccia di questo frutto? In effetti non sembra molto invitante e in più sembra proprio essere spessa e legnosa…

Quindi il mangostano racchiude realmente le sue proprietà all’interno di questa buccia dall’aspetto assolutamente poco commestibile, o è sufficiente mangiare il contenuto del frutto del mangostano, decisamente più invitante?

Vediamo di dare qualche risposta.

 

Spesso impropriamente il mangostano viene pubblicizzato per le sue proprietà antiinfiammatorie, antiossidanti ecc, senza indicare, di preciso, quale sia la parte più importante del frutto del mangostano.


Il mangostano infatti racchiude le sue proprietà principali proprio nella buccia e non nella parte interna o polpa. Capiamoci, la polpa del mangostano è sicuramente buonissima, oltra ad essere indubbiamente una buona fonte di sostanze utili all’organismo, a partire dai suoi effetti antiossidanti, però di certo l’apporto benefico fornito dalla polpa del mangostano non è paragonabile a quello fornito dal suo pericarpo, o buccia e dai semi del mangostano.mangostano


Infatti, all’interno della buccia del mangostano sono contenuti fitonutrienti, in particolare bioflavonoidi che la rendono davvero speciale, rispetto alla polpa del frutto, ma soprattutto rispetto a qualunque al tro frutto conosciuto in natura!



2625144500_2c01d56ecd.jpgBasti pensare ad altri furtti, come prugne, arance, limoni, mirtilli, fragole o lamponi, piuttosto che licis, durian, aloe o altri frutti esotici.



Il mangostano, rispetto a tutti questi frutti, è qualcosa di più! Qualcosa di meglio, qualcosa di estremamente utile al nostro organismo.

Il mangostano è davvero l’elisir di lunga vita che si dice in giro?

Bè, facendo attenzione a non ascoltare proprio tutti coloro che ne parlano, in particolare coloro i quali vogliono “vendervi” a tutti i costi un prodotto a base di mangostano, di massima, sappiate che, Sì, il mangostano è davvero un elisir di lunga vita.

Non un succo miracoloso, non un incrocio tra l’acqua di Lourdes e la Manna del signore, ma il mangostano è un alimento che tutti dovrebbero poter consumare e da cui tutti dovrebbero trarre beneficio.

 

Nei prossimi post indicheremo direttamente anche alcuni estratti delle centinaia di ricerche esistenti sul mangostano e sui sui fitocomponenti principali, cioè catechine, proantocianidine e xantoni.

Ai prossimi post!


Nel frattempo vi indichiamo una fonte da cui poter trarre alcune informazioni autorevoli sul mangostano:

docmangostano.wordpress.com/

Questo blog sul mangostano è per coloro i quali vogliono un approfondimento più tecnico, infatti è realizzato e curato da un biologo, professore universitario, che negli anni trascorsi nel sud est asiatico, si è innamorato del mangostano.


Di seguito invece tornate alla home del nostro blog, con i nuovi post sul mangostano!

http://mangostano-mangostano.myblog.it/

 

Il Mangostano: meglio la polpa o la buccia?ultima modifica: 2012-04-08T10:40:00+02:00da pa-titon
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Il Mangostano: meglio la polpa o la buccia?

  1. Qualcuno di voi ha già mangiato la buccia del mangostano allo stadio naturale?

    La buccia del mangostano è davvero così cattiva da mangiare da sola?

    Perché se è vero che la maggioranza delle proprietà del mangostano sono nella buccia, bisognerebbe mangiare quella…

    Giulia

  2. Grazie Giulia per la tua domanda e per aver visitato mangostano-mangostano.myblog.it !

    Dunque, come scritto nel post sopra, la buccia del mangostano è la parte più ricca di fitonutrienti del mangostano, in particolare di bioflavonidi e nello specifico è una delle fonti di xantoni più importanti in natura. Detto questo però, abbiamo anche sottolineato che la buccia del mangostano è piuttosto spessa e legnosa, quindi è difficile consumarla allo stadio naturale, perché sarebbe un po’ come mangiare la corteccia di un albero. Sigh!

    Penso che ben pochi abbiano mangiato direttamente la buccia del mangostano, magari sbriciolata in qualche modo, ma di certo non è consigliabile farlo, a partire dal pessimo gusto, per arrivare a questioni igieniche.

    In ogni caso esistono prodotti in commercio che utilizzano il pericarpo del mangostano all’interno della formulazione del prodotto finale. Quindi non utilizzano solo la polpa del mangostano, ma il frutto nel suo insieme, inserendo nel prodotto anche il pericarpo del mangostano sminuzzato.

    Molta attenzione bisogna porre sui prodotti che si acquistano però, cioè, ricordiamoci che, come potete vedere dalle foto, per quanto la polpa del mangostano sia bianca, il pericarpo è scuro, violaceo, carico di pigmento (infatti è all’interno del pigmento che risiedono i principali bioflavonidi).

    Questo è un punto molto importante da ricordare per capire che, se, come abbiamo detto, è molto importante che all’interno dei prodotti a base di mangostano, è fondamentale che ci sia anche il pericarpo del frutto, se vogliamo sfruttarne davvero le potenzialità, allora bisogna fare molta attenzione che all’interno del prodotto vi sia davvero questo pericarpo del mangostano.

    Come fare?

    Semplice. Il pericarpo, come detto, è scuro, carico di pigmento, quindi il prodotto a base di mangostano deve avere un colore particolarmente scuro. Consideriamo che il bianco del frutto, appena entra in contatto con il pericarpo, che ha un colore violaceo, si scurisce subito. In particolare poi, se la dose di pericarpo è particolarmente elevata, come consigliabile, è inevitabile che il prodotto diventi molto scuro.

    Spero di essere stato utile

    Buona navigazione!

    Moderatore

  3. Grazie mille per le vostre risposte sul mangostano!

    Io sono un potenziale cliente, cioè una persona che vorrebbe acquistare un succo di mangostano, però, visti i prezzi, sono un po’ indeciso.

    E’ possibile contattarvi privatamente per discutere un attimo di cosa mi convenga di più fare?

    Ho capito che il mangostano è un toccasana, perchè è un frutto straordinario, però adesso vorrei concretizzare la cosa e cominciare a stare meglio.

    Grazie

Lascia un commento