Il mangostano, parliamone…

Cos’è il Mangostano. Un po’ di chiarezza sul Mangostano!


Il mangostano è un frutto straordinario, dalla tradizione millenaria, che sbarca sulle nostre tavole con tutto il potere dei sui componenti naturali.

Il MANGOSTANO!

mangostano,xantoniIl nome scientifico del mangostano è Garcinia Mangostana L. (L. sta per Linneo, il nome infatti rientra nella catologazione scientifica del celeberrimo scienziato). Il mangostano è un frutto sostanzialmente unico, originario del Sud Est Asiatico, in particolare di alcune isole dell’India. Il frutto del mangostano può crescere soltanto in paesi che si trovino nella fascia climatica ultra-tropical e che quindi hanno un range climatico molto stretto, per questo motivo, molti hanno tentato di impiantare delle coltivazioni massive di mangostano in varie parti del mondo (Sud Italia compreso) senza grandi risultati. Anche in centro America sono stati condotti dei tentativi di coltivazione del mangostano, ma nessuno di questi ha dato buoni risultati. 

Scopriamo qualcosa in più sul mangostano! E capiamo perché il mangostano è considerato un frutto così strordinario!

 


mangostan_tree.jpgLa pianta del mangostano cresce fino ad arrivare a più di 10 metri e prima di fruttificare in maniera massiccia inpiega molti anni, fino ad 8. Il frutto che produce però è un vero e proprio toccasana.



 

Secondo la tradizione delle popolazioni del Sud Est Asiatico infatti, il mangostano viene definito “La Regina dei Frutti”, questo perché viene utilizzato da secoli per curare moltissime patologie, da problemi della pelle a problemi intestinali, cardiaci, nervosi e quant’altro. In Tailandia il mangostano viene considerato un frutto 


sacro ed è il frutto nazionale del paese. Tutto questo ovviamente, non perché sia semplicemente bello e buono, ma naturalmente, perché le sue capacità benefiche sono davvero grandi.

 

 

Moltissimi studi scientifici parlano del frutto del mangostano come di un frutto dalle capacità eccezionali. In particolare, molti studi parlano dei tre bioflavonoidi contenuti in grande quantità al suo interno, che sono:


CATECHINE 

mangostano,xantoni


PROANTOCIANIDINE


XANTONI

 

Questi tre biocomponenti hanno delle proprietà davvero elevate e sono anche già piuttosto conosciuti, in particolare i primi due. Infatti le Catechine, che sono contenute in grande quantità all’interno del mangostano, sono famose per il fatto di essere presenti all’interno del té verde. Sono appunto le catechine a conferire al té verde le sue grandi capacità antiossidanti e quindi benefiche.

 

Le Proantocianidine, sono i componenti chimici naturali che hanno reso famosi, soprattutto negli ultimi anni, i semi d’uva. Infatti l’uva ha un grande potenziale antiossidante proprio grazie alle proantocianidine.

Il mangostano quindi contiene in grande quantità sia le catechine, che le proantocianidine, entrambi elementi che hanno reso famosi té verde e uva.


In più, il mangostano contiene gli Xantoni. Gli xantoni del mangostano sono sempre dei bioflavonoidi, quindi dei biocomponenti dall’alto potenziale antiossidante, che possono essere considerati dei veri e propri SUPER-ANTIOSSIDANTI!

 

La letteratura, riguardo questi tre componenti bioattivi è vastissima, sono state condotte quasi 2.000 ricerche sugli xantoni, che ne dimostrano l’effetto positivo praticamente nei confronti di qualunque patologia ci venga in mente, questo perché gli xantoni hanno questo grande potenziale antiossidante. Centiania sono poi le ricerche su catechine e proantocianidine. Per non parlare delle decine e decine di ricerche scientifiche condotte direttamente sul frutto del mangostano, che ne dimostrano l’elevatissimo potere benefico.

mangostano,xantoni

 Cito solo due delle testate giornalistiche italiane più importanti, le quali riportano i risultati di una ricerca americana del 2009, pubblicata sul Nutritional Journal:

LA STAMPA

IL SOLE 24 ORE

 (Clicca sui nomi dei giornali per accedere all’articolo)


Naturalmente non stiamo parlando di un farmaco, ma di un frutto naturale, quindi non ci aspettiamo che curi tutte le nostre patologie da un giorno all’altro.

 Di certo però c’è che questo frutto fa molto bene e le sue proprietà sono indubbie. Se consumato nel tempo, in maniera regolare, tutti i giorni, apporta dei miglioramenti sbalorditivi in chiunque ne faccia uso.

 

Perciò consumiamo mangostano in quantità! Insieme a tanta frutta e verdura di vario genere, insieme a tanta acqua naturale e il tutto unito ad un bel po’ di esercizio fisico regoalre! 


Purtroppo in Italia non è semplice procurarsi il frutto del mangostano, per problemi di trasporto, deperimento e costi. Per questo in Italia il mangostano non è presente su tutti i banchi del mercato o in tutti i supermercati, anzi, è molto difficile trovarlo e, anche dove lo si riesce a reperire, viene venduto ad un costo piuttosto elevato (considerando che il 50% del peso circa è costituito dalla buccia spessa e legnosa).

 

mercato-de-la-Boqueria-Barcellona-anteprima-400x339-529309.jpg


Vedremo inoltre nei prossimi post che, paradossalmente, diversamente da quanto accade con la maggioranza dei vegetali conosciuti, se si vogliono sfruttare a pieno le proprietà del mangostano è sicuramente meglio consumare dei prodotti a base del frutto (quelli che contengono il pericarpo al loro interno), piuttosto che il mangostano allo stato naturale. Questo perché la maggior parte delle proprietà del mangostano sono contenute all’interno del pericarpo (la buccia spessa e legnosa, inmangiabile nello stato naturale) e non nella polpa.


Ricordandovi che il nostro blog non ha alcun interesse commerciale nello sponsorizzare alcun prodotto specifico a base di mangostano, siccome il nostro intento è puramente divulgativo, vi rimando all’articolo specifico sull’argomento:

http://mangostano-mangostano.myblog.it/archive/2012/04/08/il-mangostano-meglio-la-polpa-o-la-buccia.html


RICORDATE CHE NEL NOSTRO BLOG NON VERRA’ MAI FATTA MENZIONE DI ALCUN PRODOTTO SPECIFICO A BASE DI MANGOSTANO, A TESTIMONIANZA DEL NOSTRO INTERESSE PURAMENTE DIVULGATIVO

Il mangostano, parliamone…ultima modifica: 2012-04-05T12:36:00+02:00da pa-titon
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “Il mangostano, parliamone…

  1. Io consumo il succo di Mangostano da circa due anni e mi trovo molto bene. Ho la psoriasi praticamente da 10 anni d da quando ho cominciato a consumare il succo di mangostano mi sono trovato davvero bene. Per me è stato davvero un toccasana. Se non avessi conosciuto il mangostano ora starei decisamente peggio.

    Non ho intenzione di fare pubblicità all’azienda tramite cui io compro il succo di mangostano, perché non mi sembra il caso. Però, vi assicuro, funziona! Ho sentito anche tante al tre persone, prima di cominciare a consumarlo, che mi hanno parlato di effetti eccezionali di questo frutto.

    Consiglio a tutti di consumarlo

    Francesco G: da Treviso

  2. Anch’io, come Francesco, consumo il Mangostano in un succo da diverso tempo. Ho provato vari formati, la purea, il succo denso che dicono sia 100% frutto e poi sono approdato a quello originale, il primo prodotto realizzato a base di mangostano, a quanto mi dicono. Un succo di una ditta americana, ceìhe non contiene esclusivamente il mangostano, ma anche tracce di succhi concentrati vari, che dicono servano per rendere migliore il gusto in quanto all’interno del succo c’è anche la buccia del mangostano sminuzzata. A quanto mi hanno detto è proprio nella buccia che risiedono le principali proprietà del mangostano.

    In ogni caso io sono molto felice di consumarlo e andrò a vanti a consumarne una bottiglia a settimana per tutto il tempo che potrò farlo. Certo non è economico, però consumandone un quantitativo ragionevole non è nemmeno proibitivo.

    Anch’io non ho intenzione di dire la marca del succo che acquisto perché non voglio violare le regole di questo blog. In ogni caso vi riporto la mia esperienza ed il mio parere positivo.

    Grazie

    Monica da Milano

  3. Grazie Ragazzi, sia a Francesco che a Monica.

    Grazie per aver riportato la vostra esperienza sul manogostano e sul succo di mangostano in particolare e grazie per non aver fatto presente direttamente il nome dell’azienda che produce il succo che consumate. Siccome il nostro intento non è quello di pubblicizzare un prodotto in particolare, ma di far presente le grandi proprietà del mangostano è bene che su questo blog non si faccia pubblicità a nessuna azienda.

    Il nostro è semplicemente un intento divulgativo, non commerciale, come quello della maggioranza dei siti che parlano del mangostano diffusi online.

  4. Sono Luca, ho 23 anni e sono di Roma.

    Consumo il mangostano da alcune settimane e mi trovo bene. Non ho ancora visto particolari effetti positivi, ma mi rendo conto che l’effetto di questo frutto parte da un effetto di energizzante. Non so come mai, ma mi sento più energico. E’ normale secondo voi? Avete riscontrato la stessa cosa?

    In più devo dire che anche a livello intestinale ho notata una regolarizzazione quasi da orologio svizzero… 🙂

    Al di là di questo però non ho ancora visto effetti particolari.

    Continuerò a consumare il mangostano e vi farò sapere. Quello che ho capito è che di certo il mangostano non fa male, dico bene?

  5. Buonasera Luca! E’ benvenuto sul nostro blog. Questo blog sul mangostano è di tutti noi che ci scriviamo, quindi anche tuo! Hai fatto bene a porre le tue domande!

    Dunque, innanzi tutto ti confermo che hai perfettamente ragione a dire che il mangostano, che sia in succo o in qualunque altro formato, non fa assolutamente male. non ci sono controindicazioni di nessun tipo. Il mangostano è un frutto che non interagisce in maniera negativa con nessun tipo di farmaco o di malattia. Ovviamente, dipendentemente dal prodotto che consumate, bisogna fare attenzione ai componenti specifici del prodotto. E’ chiaro che l’unica controindicazione la si può trovare nel momento in cui ci siano delle intolleranze ai componenti specifici contenuti nel prodotto che acquistate. Poi, ovviamente, in caso di patologie, magari gravi, di qualunque sorta, è sempre meglio consultare il medico prima dell’assunzione di qualunque prodotto “diverso dalla norma”. Questa è una regola di massima che andrebbe sempre seguita, a prescindere ovviamente dal mangostano.

    Detto questo, mi ripeto, il mangostano non ha alcun tipo di controindicazione, salvo un intolleranza al frutto stesso. Fa bene a tutti, dai bambini agli anziani, da chi ha dei problemi a chi non ne ha e vuole solo avere un effetto preventivo, fino ad arrivare agli sportivi.

    Poi, per quanto riguarda gli effetti riscontrati dall’uso del mangostano, è bene distinguere. Innanzi tutto, come avrai già capito Francesco, anche leggendo il post sopra, è necessario consumarlo in maniera regolare per rendersi conto degli effetti del frutto. Resta sempre un frutto, un prodotto della natura, non un farmaco, cioè un prodotto chimico di sintesi. Perciò, per vedere degli effetti positivi e duraturi, è necessario consumarlo per almeno un mesetto in maniera regolare, ogni giorno. Solo così ci si può rendere conto dell’effetto degli antiossidanti contenuti nel frutto.

    Detto questo, l’effetto di tonico (energizzante senza essere eccitante) e di regolarizzatore intestinale è perfettamente normale e consueto. Quelli sono gli effetti che si notano più velocemente, ma che sono anche i meno importanti. Continua a consumarlo e ti renderai conto tu stesso di quanto funziona il mangostano sul tuto benessere generale.

  6. Salve a tutti e complimenti per il blog! Mi sembra molto utile.

    Io non consumo ancora nessun prodotto a base di Mangostano, ma so che in commercio ce ne sono diversi. Ho visto che i vari prodotti a base di mangostano in commercio in Italia differiscono l’uno dall’altro per costo, formato e contenuto. Ci sono succhi di mangostano al 100%, succhi a base di mangostano (che contengono cioè altri frutti), succhi e prodotti che contengono solo il frutto, altri che contengono anche la buccia del mangostano. Poi ci sono marmellate di mangostano, capsule a base di mangostano.

    Insomma, di prodotti a base del “miracoloso” mangostano 🙂 ce ne sono veramente tanti ed io non so sinceramente cosa sia meglio comprare, anche perché la spesa comunque è abbastanza elevata (anche se sì, è vero, è spalmata nei mesi).

    Ho letto che non volete fare nomi delle varie aziende che commercializzano prodotti a base di mangostano e questo penso sia molto positivo, però potete darmi un’indicazione su che cosa sia meglio consumare, almeno a livello di formato di prodotto?

    Piuttosto scrivetemi anche in privato:

    andrea.noste@libero.it

    Grazie

    Andrea

  7. Ciao Andrea e benvenuto su mangostano-mangostano.myblog.it.

    Dunque, innanzi tutto ti ringrazio per la tua domanda sul mangostano, perché hai fatto una richiesta che spesso e volentieri viene fatte da coloro che si approcciano a questo tipo di alimento. Perciò possiamo andare a fornire un’informazione un po’ più precisa al riguardo.

    Vi anticipo in questa sede che a breve creeremo un post proprio sui formati in cui il mangostano viene commercializzato e un altro post sulle varie aziende che lo distribuiscono, appunto nei vari formati. Nel post sulle aziende naturalmente andremo a fare nomi e “cognomi” 🙂 delle aziende che in Italia commercializzano prodotti a base di mangostano. Anche qui naturalmente non si accettano commenti a scopo commerciale o denigratorio.

    Ricordiamoci sempre che mangostano-mangostano.myblog.it vuole essere un blog nel verso senso del termine, cioè a scopo esclusivamente divulgativo!

  8. Save a tutti, sono Paolo da Trapani.

    Quest’oggi mi hanno parlato del mangostano ed in particolare di un succo prodotto da un’azienda americana.

    All’interno del succo però non c’è solo mangostano, ma anche vari altri succhi concentrati in minime quantità, cioè mela, pera, uva, mirtillo, lampone, fragola e ciliegia.

    In più sembra che all’interno del succo non ci sia solo il mangostano inteso come polpa del frutto, ma anche la buccia stessa del mangostano, il pericarpo del mangostano, come lo definiscono.

    E’ una cosa positiva? L’azienda sarà affidabile?

    Se volete vi comunico in privato il nome dell’azienda in questione, anche se penso che abbiate capito, siccome immagino che non ci siano molte aziende americane che producono un succo di mangostano, in più che abbia le peculiarità che vi ho descritto.

    Resto in attesa di una vostra risposta

    cordialmente

    Paolo

    Paolo

  9. Anch’io ho sentito parlare dello stesso prodotto a base di mangostano. Immagino sia proprio lo stesso, perchè le indicazioni sui succhi vari e sul pericarpo del mangostano sono le stesse.

    In più a me è stato detto che il mangostano è utilissimo per i problemi dermatologici. Io ad esempio ho la psoriasi.

    VOrrei capire se questo succo di mangostano può aiutare davvero o se sono tutte stupidaggini.

    Grazie a voi di http://mangostano-mangostano.myblog.it , state facendo un ottimo lavoro nel divulgare queste informazioni, anche perché i prodotti con il mangostano che ho visto sono tutti costosi e quindi è importante capire se valga la pena comprarlo questo mangostano oppure no.

    Grazie

    Andrea da Lucca

  10. Salve a tutti,
    Complimenti per il blog. Condivido volentieri la mia esperienza, ho conosciuto il mangostano 3 anni fa, grazie ad un parente che mi ha“ suggerito di utilizzarlo Sono rimasta cosi sorpresa ed entusiasta dei risultati che sono diventata una promotrice del succo di mangostano. In questi 3 anni, ho raccolto tante di quelle testimonianze da poterci scrivere un libro.

  11. Grazie Dany per il tuo contributo!

    Dany, ti chiedo, se vuoi, di parlaci delle tue testimonianze più emblematiche, così condividiamo un po’ di esperienze sul mangostano.

    Naturalmente fallo solo se ne hai piacere e ricorda di non citare il nome della marca del prodotto che consumi e che promuovi, perché su questo blog non vogliamo fare pubblicità a qualche azienda in particolare, bensì al frutto del mangostano ed alle sue proprietà.

    Confermo che anche noi di http://mangostano-mangostano.myblog.it abbiamo ricevuto, negli ultimi 5 anni, da quando conosciamo il mangostano decine e decine di testimonianze di persone, da tutto il mondo, soddisfatte del mangostano e degli effetti, talvolta straordinari, che il mangostano ci riserva. Per questo motivo, tra l’altro, abbiamo deciso di creare questo blog. Se non avessimo sentito così tanti pareri positivi su questo frutto non avremmo cominciato a consumarlo e divulgare queste informazioni.

  12. Rispondo ad Andrea da Lucca e Paolo da Trapani.

    Grazie Andrea e Luca per aver dato il vostro contributo al nostro blog sul mangostano scrivendo il vostro commento.

    Dunque, per quanto riguarda il pericarpo del mangostano, è fondamentale che sia presente all’interno del prodotto che decidete di consumare. Perché? Beh, semplice, perché le principali proprietà del mangostano non risiedono nell apolpa del frutto, bensì nel pericarpo del frutto e dei semi. Perciò è fondamentale che questi siano presenti all’interno del prodotto che si va a consumare.

    Ricordate che il motivo per cui il mangostano vanta tutte queste proprietà positive è semplicemente il fatto di contenere una grande quantità e varietà di antiossidanti,. In particolare agisce per mezzo di tre bioflavonoidi , contenuti in grande quantità nel mangostano: CATECHINE, PROANTOCIANIDINE E XANTONI. Di questi ultimi ne è contenuta una quantità davvero elevata, superiore alla media dei frutti, nel mangostano.

    La cosa poi fondamentale a cui fare attenzione è che il mangostano, come avrete ormai capito, è un frutto la cui polpa è bianca, mentre il pericarpo, la buccia, è di colo rosso scuro, quindi molto carico di pigmento. Vi ricordo questo perché, ovviamente, nel momento in cui andate ad acquistare un prodotto a base di mangostano dovete fare attenzione alla presenza del pericarpo del frutto. Come fare? Semplice, se il prodotto è scuro allora è molto più probabile che al suo interno ci sia il pericarpo del mangostano (naturalmente parliamo di prodotto allo stadio naturale, quindi succhi, marmellate e puree, non compresse chimiche si sintesi). Tutto questo, ovviamente, è una verifica da fare dopo aver già verificato che nell’etichetta sia indicato, tra i componenti, che è presente all’interno del prodotto anche il pericarpo del mangostano. Semplicemente da questo potete rendervi conto di quanta parte di pericarpo è contenuta nel prodotto a base di mangostano che state andando ad acquistare.

    Ovviamente questo è un dato totalmente empirico, perché può essere camuffato, però diventa subito indicativo che se un prodotto appare chiaro, allora sicuramente, anche se viene indicato che contiene il pericarpo del mangostano, non ne conterrà molto.

    Spero di essere stato utile ed esaustivo Paolo.

    Per rispondere a Luca invece, ti posso dire che il mangostano davvero ha delle proprietà utilissime al corpo di chiunque lo consumi. So molto bene che l’Italia ed il mondo intero sono pieni di “miracolati” che parlano di questo frutto e dei relativi prodotti che lo utilizzano come di prodotti miracolosi. Questo succede, non perché chi ne parla è necessariamente in cattiva fede o h un intento commerciale (capita anche questo, però non è la norma), in realtà tutti questi “miracolati” ti dicono di aver notato dei grandi benefici, perché li hanno notati davvero. Semplicemente non sanno come attribuire questi benefici al mangostano e quindi parlano di un “miracoloso effetto curativo”. Quante volte l’ho sentito… Ma questo vuol dire solo che chi ne parla non ha idea di come il mangostano agisca, non significa che non sia vero. Infatti il mangostano ha una tale concentrazione di antiossidanti al suo interno che chiunque lo vada a consumare, se lo consuma per un periodo di tempo prolungato ed in maniera regolare, si rende conto di un beneficio.

    Naturalmente ciò non significa che il mangostano curi le malattie,
    il mangostano non cura il diabete
    il mangostano non cura i tumori
    il mangostano non cura il morbo di parkinson
    il mangostano non cura il morbo di alzheimer
    il mangostano non cura il morbo di crohn
    il mangostano non cura la psoriasi
    il mangostano non cura l’acne giovanile
    il mangostano non cura le patologie caridache
    il mangostano non cura le patologie respiratorie

    ecc. ecc…

    Ho citato solo alcuni delle decine e decine di patologie che spesso si sente dire che vengono curate dal mangostano. Questo non è vero, il mangostano non CURA nessuna delle patologie elencate sopra, né nessun’altra patologia che possa venirvi in mente.

    IL MANGOSTANO FA BENE A TUTTI, fa bene a chiunque lo consumi, in qualunque caso e soprattutto non ha alcun tipo di controindicazini, nei confronti di alcun farmaco o patologia.

    IL MANGOSTANO AGISCE PER MEZZO DEGLI ANTIOSSIDANTI

    GLI ANTIOSSIDANTI FANNO BENE A TUTTI

    Avendo motli antiossidanti al suo interno il mangostano fa bene a tutti per moltissime situazioni fisiologiche diverse. Questo significa che le persone che hanno i problemi più svariati notano dei miglioramenti ed è quindi per questo che parlano di effetti “curativi”.

    E’ semplicemente un problema di termini.

    Bisogna rendersi conto che il mangostano, come è più di molti altri frutti e come tutti i vegetali fa bene a chi lo consuma. Questa è una costante, un dato di fatto. Per rendersene conto, come ormai hanno fatto da alcuni anni milioni di persone nel mondo, l’unico modo è acquistare un prodotto che lo contenga, scegliendo fra i tanti e cominicare a consumarlo per due o tre mesi, in questo modo ci si può rendere conto di tutti questi effetti.

    L’effetto degli antiossidanti sul corpo di chi li consuma è garantito!

    Quindi di certo c’è la garanzia che fanno bene e che quindi il mangostano fa bene! Esattamente come c’è la garanzia che i vegetali fanno bene, la frutta e la verdura fanno bene.

    Il consiglio spassionato che vi diamo è questo:

    Una volta assaggiato il mangostano e quando avrete cominciato a consumarlo in maniera regolare e d avrete notato che ha degli effetti positivi, anche se gli effetti che noterete saranno eclatanti, non andate in giro a parlare di cura nei confronti del problema che vi affliggeva. Dite semplicemente che il mangostano vi ha fatto bene!

    Grazie

    Continuate a postare esperienze e domande, penso che tutto questo sia di utilità comune

  13. Salve, io sto per iniziare a fare l’attività di promotore di un succo di mangostano che è in commercio da dieci anni, penso sia il più famoso e mi dicono essere il primo succo di mangostano ad essere stato realizzato e quindi ad essere entrato in commercio.

    E’ possibile contattarvi, anche privatamente, per chiarirmi le idee sul mangostano e valutare meglio se abbia senso o meno cominciare questa attività?

    Perché io ho consumato il mangostano e lo sto consumando, vedo degli effetti, questo è sicuro, a partire dal fatto che mi da tanta energia, ne ho molta più di prima, e sono molto più regolare nell’andare in bagno, un orologio svizzero ormai. Però vorrei parlare un po’ di più di ciò che viene detto sul mangostano e sulle sue proprietà curative. In particolare, le persone che mi hanno parlato di mangostano, dell’attività e della possibilità di crearmi una rendita, sono delle persone di Palermo che mi hanno fornito del materiale pubblicitario, con scritto un elenco di malattie e disturbi vari che il mangostano cura. Io non me ne intendo dell’argomento, ma mi sembra che questo non possa farsi.

    Siccome ho visto che siete super partes e che avete una grande cognizione di causa in materia, vorrei parlare con voi del mangostano e di questi aspetti se fosse possibile prima di decidere se cominciare o meno questa avventura. Il mio indirizzo mail è il seguente: andrea.menni@hotmail.it

    Fatemi sapere

    Andrea

  14. Salve a tutti, sono arrivato su questa pagina navigando su internet a seguito di una proposta, da parte di un conoscente, riguardo al succo di mangostano XanGo. Mi hanno parlato di questo succo come di un utile ausialio per stare meglio in generale. Io ho vari problemi, in molti casi legati all’età. Vorrei capire fino a che punto un prodotto come il succo di mangostano possa essere utile e in che misura questo sia da consumare.

    Poi vorrei sapere se è meglio consumare questo XanGo o è meglio prendere qualche altro prodotto a base di mangostano in commercio. Anche perché, per quanto riguarda Xango ho trovato in internet varie informazioni che parlano anche di problemi che ha avuto l’azienda.

    Grazie

    Franco da Bari

  15. Bene Franco,

    grazie per la tua domanda e per aver condiviso con noi il tuo commento.

    Come puoi leggere nei nostri post sul blog

    http://mangostano-mangostano.myblog.it/

    e nelle varie risposte che diamo ai commenti, la risposta a questa tua giomanda è già stata data più volte.

    Capisco però che essendoci molto materiale scritto, ed essendoci anche un enorme volume di commenti, domande e risposte (per fortuna il blog è molto letto ed apprezzato), dicevo, capisco che non sia abbia tempo e voglia di andare a leggere tutto. QUindi ti rispondo sinteticamente di seguito.

    Il succo di mangostano è sicuramente utilissimo nel tuo caso, come intutti gli altri casi. Questo perché il mangostano è un frutto che contiene una quantità davvero rilevante di fitonutrienti e quindi di antiossidanti vari. Considera questo. Se te lo hanno consigliato come ci hai detto, cioè come un prodotto che può essere utile per stare meglio nell’insieme, chi ti vende il prodotto è una persona seria, perché il mangostano è proprio questo che fa.

    Detto questo, come puoi leggere sul blog, noi non ci esprimiamo in relazione a questo o a quel prodotto in particolare, quindi non ti voglio scrivere un commneto relativo a XanGo o a qualche altra azienda. So che il succo di mangostano XanGo è molto consumato e, come altri, è sicuramente valido. Per quanto riguarda il fatto che sia meglio uno o l’altro lascio a te la scelta.

    Per quanto riguarda invece i problemi che la XanGo ha avuto, ne siamo ben a conoscenza, e su questo ti posso dire che purtroppo dipende tutto dalle persone che formano le reti commerciali. Ce ne sono di più serie e di meno serie, ma l’azienda in sè e per sè io la reputo un azienda seria, che distribuisce un prodotto valido. In più, sono andato ora a ricercare informazioni al riguardo e le problematiche della XanGo sono state risolte a fine 2011, quindi l’azienda non ha più avuto problemi nella commercializzazione in italia a partire dal 2012.

    A te la scelta sul prodotto da acquistare. Il consiglio è quello di provarne diversi e poi decidere quale consumare nel tempo. Di certo però è meglio prediligere prodotti come i succhi, che sono frullati naturali e non le pastiglie o prodotti sintetici vari.

    Graize ancora per la tua domanda e spero di esserti stato utile

  16. Grazie davvero per le informazioni che date sul mangostano.

    Io sono un distributore del succo di mangostano XanGo ed erano anni che attendevo qualcuno che da informazioni concrete su questo frutto. C’è finalmente qualcuno che ne parla in questi termini. Grazie davvero e buon lavoro a tutti voi di questo blog!

Lascia un commento